COLDIRETTI LATINA: PER GLI  OGM, LA NOSTRA AGRICOLTURA È DISTINGUIBILE, NON OMOLOGATA
16 giugno 2014

COLDIRETTI LATINA: PER GLI OGM, LA NOSTRA AGRICOLTURA È DISTINGUIBILE, NON OMOLOGATA

“L’Italia, e quindi anche la provincia di Latina oltre che l’intera regione,  è libera di non coltivare Ogm come ha fatto fino ad ora e come chiedono quasi 8 cittadini su 10 (il 76 per cento)”. Lo afferma con soddisfazione il direttore di Coldiretti Latina, Saverio Viola  nel commentare il raggiunto accordo politico europeo dei ministri dell’Ambiente, che lascia liberi gli stati membri di coltivare o vietare sul suolo nazionale le colture geneticamente modificate (Ogm), senza incorrere in sanzioni o ricorsi giudiziali. “E’ il risultato di tante battaglie di Coldiretti – aggiunge Viola – ma, oltre che per la nostra organizzazione agricola, è un traguardo per tutta l’agricoltura, pure di quella parte che ci ha accusato di ideologia e contrarietà al progresso, anche se non se ne rende ancora conto”.
“L’unica realtà dimostrata dai fatti – spiega il direttore di Coldiretti Latina – è che se l’agroalimentare è sinonimo di qualità nel mondo è per la sua distintività, biodiversità, estrema cura nei processi produttivi, collegamento vitale col territorio di appartenenza e coi produttori, cioè di un modello di sviluppo esattamente contrario e che non può coesistere con l’omologazione portata dagli Ogm”.
“Questi sono i valori del vero Made in Italy, – dichiara ancora Viola – i valori su cui puntare per differenziarsi sul mercato globale e migliorare il reddito imprenditoriale in agricoltura. Questo è il vero progresso: stare sul mercato da imprenditori, sforzarsi di elaborare un progetto economico innovativo che punti su multifunzionalità, qualità e Made in Italy; non invece rincorrere un prodotto uguale in tutto il mondo, le cui sementi sono appannaggio di poche multinazionali, col miraggio di produrre di più per aumentare il reddito (questo è quello che raccontano i sostenitori dell’Ogm), quando è sotto gli occhi di tutti che l’azienda agricola media nostrana non è socialmente e strutturalmente concepita per la quantità, ma per la qualità”.
“A ben guardare – aggiunge Carlo Crocetti, presidente di Coldiretti Latina - le coltivazioni Ogm sono anti-economiche, altrimenti si sarebbero diffuse a macchia d’olio in Europa e nel mondo. Invece e nonostante l’azione delle lobby, sono rimasti solo cinque su ventotto, i paesi Ue che li coltivano: Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania, con appena 148 mila ettari di mais transgenico Mon 810 commercializzato dalla Monsanto, piantati nel 2013, la quasi totalità in Spagna. La Francia li ha vietati recentemente con legge”.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi