COLDIRETTI LATINA: SULLA BLUE TONGUE INTERVENGA ZINGARETTI BASTA CON I SILENZI ASSORDANTI ALTRIMENTI SAREMO IN PIAZZA
29 marzo 2014

COLDIRETTI LATINA: SULLA BLUE TONGUE INTERVENGA ZINGARETTI BASTA CON I SILENZI ASSORDANTI ALTRIMENTI SAREMO IN PIAZZA

Dopo varie richieste che non hanno ricevuto risposta da parte dell’assessore regionale alle politiche agricole della Regione Lazio, Sonia Ricci, salutiamo con soddisfazione la comunicazione inviata dalla sede regionale di Coldiretti Lazio alla stessa Ricci e al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, tendente ad avere definitivamente risposte per gli allevatori pontini e più in generale della nostra regione”. A parlare è Saverio Viola, direttore della Coldiretti di Latina che ha aggiunto: “Il silenzio “assordante” di fronte alle richieste degli allevatori ovicaprini i cui greggi sono stati colpiti dalla famigerata epizoozia denominata Blue Tongue, ed a fronte delle azioni intimidatorie dei settori veterinari che tentano di risolvere il problema con azioni di forza, senza provare a ricercare soluzioni concertate di accompagnamento alla soluzione del problema, rappresentano segnali poco incoraggianti ai quali non possiamo restare spettatori”. Per Coldiretti questo atteggiamento è incomprensibile e pone l’organizzazione di fronte alla scelta di innalzare l’attenzione se necessario con una manifestazione di protesta e di richiesta di risposte da tenersi a Roma. “Auspichiamo e siamo certi che il presidente della Regione Lazio, Zingaretti, - aggiungono Saverio Viola e Carlo Crocetti, presidente di Coldiretti Latina – assuma utili iniziative tese a dare le risposte che attendiamo in tempi davvero rapidi altrimenti saremo costretti a scendere in piazza per reclamare attenzione utili a dare risposte ai nostri soci e più in generale agli allevatori del Lazio”. Le rivendicazioni di Coldiretti riguardano l’ Indennizzo per il mancato reddito oltre a quello previsto per la moria da epizoozia, gli indennizzi per i danni causati dal vaccino in uso e l’istituzione di un fondo rotativo per assicurare l'epizoozia. “Qualora le richieste non venissero valutate concretamente, forti delle nostre 40.000 imprese associate – concludono Viola e Crocetti  -  solidalmente scenderemo in piazza a fianco degli allevatori gravemente danneggiati dalla Blue Tongue. Dalla fine dell’anno scorso Coldiretti a Latina e nel Lazio ha chiesto il blocco delle vaccinazioni; l’Inibizione dei servizi veterinari nell’ambito aziendale e l’ estensione di azioni di piazza  di fronte alle ASL di tutte le province.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi