GIAN CARLO CASELLI, MAGISTRATO SIMBOLO DELL’ANTIMAFIA
15 novembre 2015

GIAN CARLO CASELLI, MAGISTRATO SIMBOLO DELL’ANTIMAFIA

È quella di Gian Carlo Caselli la relazione più attesa al convegno di giovedì prossimo a Cassino sulle agromafie promosso dalla Coldiretti in collaborazione con la Banca Popolare del Cassinate e col patrocinio dell’Università. Procuratore capo a Palermo dal 1993 al 1999, uno dei simboli della lotta alla mafia, Caselli è oggi il presidente della fondazione “Osservatorio sulla criminalità in agricoltura e nell’agroalimentare”. Ad aprire il convegno saranno il rettore Giovanni Betta e il direttore del dipartimento di economia e giurisprudenza Giuseppe Recinto. Vincenzo Formisano, docente universitario e vicepresidente di Bpc, affronterà il tema delle banche territoriali come presidio di legalità economica, mentre Giuseppe Muti relazionerà sulla presenza e le attività delle ecomafie nel cassinate. La filiera agroalimentare è quella che registra il maggior numero di reati per opera della criminalità organizzata. Le attività illecite vanno dalle truffe per ottenere indebiti finanziamenti pubblici al caporalato e alle contraffazioni di rinomati prodotti agroalimentari. Le famiglie criminali controllano mercati ortofrutticoli e redditizi canali commerciali e gestiscono su scala industriale i processi di contraffazione delle produzioni italiane più richieste dai mercati esteri come parmigiano, mozzarelle di bufala, olio e vino. Il dilagante imbroglio del falso Made in Italy garantisce ai clan criminali sconfinati guadagni illeciti. Il cosiddetto Italian Sounding – ossia utilizzare illegalmente denominazioni geografiche tipiche e marchi evocativi di italianità per caratterizzare le esportazioni – genera un giro di affari annuo di 60 miliardi di euro, di gran lunga superiore al fatturato dei prodotti tricolore originali che si attesta sotto i 30 miliardi. Tra i relatori figura anche il magistrato Andrea Baldanza, oggi capo di gabinetto del governatore della Regione Lazio. Aldo Mattia, direttore della Coldiretti Lazio, sarà il moderatore del convegno. Le conclusioni sono affidate al presidente della Coldiretti Lazio, David Granieri. Nel piazzale dell’ateneo sarà allestito il mercato di Campagna Amica. Gli imprenditori agricoli offriranno una degustazione delle tipicità agroalimentari ciociare. Al loro fianco, in un ideale fronte della legalità, ci sarà anche lo stand del ristorante antimafia Civico Sociale.

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi