NATALE 2011
19 dicembre 2011

NATALE 2011

I frusinati hanno acquistato in massa i prodotti agricoli nel pomeriggio di ieri dedicato alle eccellenze del paniere enogastronomico della provincia di Frosinone e del Lazio organizzata da Coldiretti Frosinone ed associazione “L’Impegno”. La manifestazione era  tesa, appunto, a far consumare ed acquistare, per Natale, prodotti alimentari locali, a chilometri zero. In moltissimi, nonostante il freddo, hanno passeggiato in libertà tra i cinquanta stand disponibili nell’ultimo tratto di via Aldo Moro, acquistando vino, olio, miele, formaggi, insaccati, ortaggi, dolci, da consumare per se stessi o per regalare agli altri, anche con i tradizionali cesti colorati da porre sotto l’albero. Nella tradizionale strada dello shopping il direttore della Coldiretti Paolo De Cesare, il presidente Loris Benacquista ed il presidente dell’Impegno, il frusinate, Aldo Mattia, hanno registrato che la spinta verso regali utili premia l’enogastronomia anche per l'affermarsi di uno stile di vita che  riduce gli eccessi e gli sprechi ma è attento alla qualità e alla sicurezza dell’alimentazione. Complessivamente - sottolinea la Coldiretti - si stima che la spesa alimentare aggiuntiva dei ciociari per le festività di Natale sarà pari a 138 euro per famiglia sostanzialmente stabile rispetto allo scorso anno (-1 per cento), secondo una analisi della Coldiretti sulla base dell'indagine “Xmas Survey 2011” di Deloitte. Cambiano però - continua la Coldiretti - le modalità di acquisto con ben l’84 per cento dei ciociari che frena i propri impulsi alla ricerca del miglior convenienza nel rapporto prezzo e qualità dei prodotti e dei punti vendita. Di fatto si allungano i tempi sia per la ricerca dei regali che per la scelta dei prodotti da utilizzare per imbandire i tradizionali cenoni. Il risultato - precisa la Coldiretti - è una ottimizzazione della spesa con la rinuncia alle mode esterofile del passato pagate a caro prezzo: come champagne, caviale, ostriche, salmone o ciliegie e pesche fuori stagione ed un aumento dei prodotti locali,  magari a chilometri zero o biologici. Quasi tre ciociari su quattro (73 per cento) per il Natale 2011 – continua la Coldiretti – intendono acquistare prodotti locali mostrando un livello di legame al territorio molto piu’ elevato della media. Addirittura il 33 per cento dei ciociari intende regalare prodotti alimentari locali a chilometri zero e il 28 per cento prodotti biologici secondo l’indagine dell’ Swg. L’iniziativa di sabato scorso in via Aldo Moro –  detto De Cesare, Mattia e Benacquista – è stata salutata con soddisfazione dai cittadini che hanno anche sottolineato l’importanza di individuare dei locali coperti per ospitare così come accade in altre città il mercato di Campagna Amica in modo stabile e non più episodico. Su questa ennesima proposta di Coldiretti ed Impegno il sindaco Marini ha garantito di voler trovare una soluzione durante l’affollato e ben congeniato dibattito sui temi della convenienza che ha portato a Frosinone come ospite d’onore il conduttore Rai, Alessandro Di Pietro, della trasmissione Occhio alla Spesa e l’assessore regionale all’agricoltura della Regione Lazio, Angela Birindelli.   
 

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi