A FIRENZE L’AGRICOLTURA DI CHI AMA L’ITALIA
5 giugno 2014

A FIRENZE L’AGRICOLTURA DI CHI AMA L’ITALIA

Ci hanno messo la faccia, come fanno ogni giorno, producendo quotidianamente le eccellenze agroalimentari ieri mattina insieme ad altri migliaia di colleghi al Mandela Forum di Firenze, teatro dell'assemblea territoriale Centro-Italia promossa da Coldiretti intitolata “L’agricoltura di chi ama l’Italia” promossa da Coldiretti al Mandela Forum di Firenze.  Al centro dell’appuntamento non solo la lotta contro le frodi alimentari, ma anche la tutela dell'ambiente e i nuovi sviluppi in fatto di green economy. Protagonisti della giornata, oltre le migliaia di agricoltori presenti, il Presidente nazionale Coldiretti Roberto Moncalvo insieme a numerosi ospiti, dal ministro delle politiche agricole Maurizio Martina al ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti fino ai governatori e assessori di diverse regioni compresa Sonia Ricci per il Lazio. Presenti sul palco anche il procuratore Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agroalimentare, il presidente di Federconsumatori Rosario Trefiletti, A guidare la delegazione delle province di Frosinone e Latina i presidenti Vinicio Savone e Carlo Crocetti con il direttore Saverio Viola. “Abbiamo preso parte all’evento con 13 pullman con i nostri soci – ha detto Viola – e i lavori assembleari hanno permesso di affrontare problematiche attuali e importanti con un format azzeccato e davvero apprezzato dai nostri soci e da tutti i presenti.  Tra i dati presentati anxhe quelli del milione di consumatori che nel Lazio nel 2013 hanno fatto la spesa dal contadino nelle fattorie o nei mercati degli agricoltori, con un aumento del 23 per cento rispetto all’anno precedente e un fatturato regionale della spesa a chilometri zero stimato in circa 400 milioni di euro.
L’aumento degli acquisti direttamente dal produttore – commenta Viola –risulta in controtendenza rispetto al resto dei consumi e sono sempre più i cittadini della nostra regione e delle nostre provincie, come nel resto d’Italia, che mettono nel carrello prodotti locali a chilometri zero, che non devono percorrere lunghe distanza con mezzi di trasporto inquinanti, cibi biologici e specialità a denominazione di origine che conservano la biodiversità sul territorio nazionale. “I mercati degli agricoltori stanno creando nuove economie e nuova occupazione rappresentando nel contempo un formidabile strumento di coesione sociale, animazione sociale ed educazione alimentare, perché ricreano un legame profondo tra consumatore e produttore, tra il luogo di consumo e il luogo di produzione, tra città e campagna”,

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi