13 Dicembre 2021
Coldiretti Lazio, filiera carni ovine: fondamentali gli aiuti al settore
Aiuti in arrivo per il settore ovino grazie al Fondo per la competitività della filiera. Un intervento necessaria a far fronte alla grave crisi di mercato causata dal blocco delle attività commerciali durante la pandemia e alla riduzione delle esportazioni. Una misura fortemente richiesta da Coldiretti Lazio a sostegno della filiera delle carni ovine, che è stata fortemente colpita dalla crisi economica causata dall’emergenza sanitaria. 
 
“E’ un intervento che abbiamo sollecitato - spiega il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri - a sostegno di una filiera importantissima e della biodiversità. La tutela del territorio passa anche attraverso la pastorizia. Salvaguardare questo settore comporta anche una maggiore sicurezza per i territori. Le aziende zootecniche, infatti, con la presenza dei loro pascoli, garantiscono la manutenzione di vaste aree, che altrimenti rischierebbero di restare abbandonate e prive di interventi di conservazioni, con un ulteriore aggravio di costi per le pubbliche amministrazioni”.
 
Un contributo, quello previsto dal Fondo per la competitività della filiera, che arriva fino a 9 euro per ogni capo macellato e certificato Igp e fino a 6 euro per ogni capo non Igp nato, allevato e macellato in Italia, nel periodo che va dal 1 marzo al 30 aprile dell’anno precedente a quello della domanda ed è concesso nel limite dell’importo massimo di 25.000 euro, nell’arco di tre esercizi finanziari. L’aiuto è riconosciuto in base al numero di capi ovini nati, allevati e macellati in Italia, come registrato nella Banca dati nazionale del Sistema informativo sanitario del Ministero della salute, nel periodo 1 marzo 2020 – 30 aprile 2020.
 
“Per noi resta fondamentale la difesa del Made in Italy  - aggiunge Granieri -  e questa avviene anche salvaguardando e valorizzando i prodotti ovini che rappresentano un’eccellenza per il nostro territorio,  come i formaggi, i latticini, la ricotta romana Dop e l’abbacchio romano Igp. A riguardo ricordiamo quanto sia fondamentale certificare l’abbacchio romano per ottenere l’Indicazione Geografica Protetta, che tutela non solo per i pastori, ma l’intera filiera e naturalmente i consumatori. Con il marchio Igp si assicura l’adozione di un disciplinare approvato dalla Comunità Europea”.
 
La domanda per ottenere gli aiuti destinati alla filiera delle carni ovine, deve essere presentata entro il 15 dicembre e riguarda in particolare le carni di agnello macellate e certificate IGP secondo i disciplinari delle indicazioni geografiche Abbacchio romano Igp, Agnello del Centro Italia Igp e Agnello di Sardegna Igp; le carni di agnello nato, allevato e macellato in Italia e non certificato Igp, così come precisato dall’Agea.​
Archivi

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi