11 Marzo 2019
LATTE OVINO, COLDIRETTI LAZIO: «PARTIRE DAI COSTI DI PRODUZIONE: 85 CENTESIMI»

“L’accordo sul prezzo del latte ovino raggiunto in Sardegna può essere considerato solo un punto di partenza per il rilancio del settore zootecnico, cruciale per il centro Italia, ma non è soddisfacente perché copre solo i costi di produzione che in una realtà come quella del Lazio sono maggiori e raggiungono gli 85 centesimi - spiega David Granieri, presidente Coldiretti Lazio –. Il nostro obiettivo non è solo quello di arrivare a una giusta indicizzazione del prezzo del latte ovino, ma vogliamo anche costruire un percorso di sviluppo a 360 gradi che si basi su un’attenta programmazione strutturale e su una regolamentazione chiara. Dopo Sardegna e Toscana, il Lazio è la terza regione per numero di capi ovini e allevamenti con 13mila aziende impegnate in questo settore di eccellenza che vanta una tradizione millenaria. Per garantire il giusto compenso agli allevatori laziali è necessario valorizzare le produzioni locali, a partire dalle mense scolastiche, e puntare fortemente sui contratti di filiera, facendo partecipare attivamente tutti i protagonisti, dalla produzione alla trasformazione fino alla distribuzione. A riguardo è fondamentale riuscire a coinvolgere tutte le DOP e le produzioni certificate laziali del settore ovino, avendo anche una maggiore rappresentatività degli allevatori all’interno di queste strutture”.

“C’è ancora tanto lavoro da fare, ma importanti risultati sono stati raggiunti, a partire dalla desecretazione dei dati relativi alle importazioni di latte, formaggi e tutti i derivati dirette alle singole aziende. Una storica battaglia vinta dalla Coldiretti per la sicurezza alimentare, la trasparenza e il diritto del consumatore a essere informato correttamente – conclude Granieri - Da parte nostra c’è la ferma intenzione di andare avanti sulle proposte che abbiamo presentato alla Regione Lazio che, come da noi richiesto, ha istituito un tavolo permanente sulle produzioni ovine che raccoglie tutte la filiera. Altra battaglia di primaria importanza riguarda l’approvazione da parte della Regione di un emendamento alla proposta di legge 37 del 20 giugno 2018, sulla disciplina del commercio e della somministrazione di alimenti e bevande, che prevede che la vendita del latte da parte degli allevatori del Lazio non possa essere effettuata a prezzi inferiori ai costi di produzione. Siamo pronti a far causa a chi non rispetterà questo provvedimento".

 

 

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi