24 Marzo 2019
PENSIONI 2019: TUTTE LE NOVITA’ PER I LAVORATORI AGRICOLI AUTONOMI

Il decreto-legge n.4 del 28 gennaio 2019 introduce, dal 1° gennaio 2019, alcune novità in materia di pensioni che riguardano anche i lavoratori agricoli autonomi.

PENSIONE ANTICIPATA QUOTA 100

E’ la principale novità che permette di andare in pensione con un’età anagrafica di 62 anni e 38 anni di contributi versati. Per i coltivatori diretti che hanno:

  • maturato tali requisiti entro il 31/12/2018, la pensione partirà dal 1° aprile 2019.
  • maturato i requisiti dal 01/01/2019, la pensione partirà il primo giorno del 4° mese.

Es: Un soggetto che compie 62 anni e 38 anni di contributi il 20 maggio 2019 consegue il diritto alla pensione dal 1° settembre 2019.

Al momento, per coloro che accedono a Quota 100, non esiste la possibilità di cumulare la pensione con i redditi da lavoro sia dipendente che autonomo. Si prevedono ulteriori chiarimenti dell’INPS.

NUOVI REQUISITI PER ACCEDERE ALLA PENSIONE ANTICIPATA

Nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 ed il 31/12/2026, si potrà accedere alla

  • PENSIONE ANTICIPATA: uomini 42 anni e 10 mesi di contributi mentre le donne 41 anni e 10 mesi. Anche qui è prevista una sorta di finestra, cioè la pensione parte il primo giorno del 4° mese dal diritto:

Es: Il soggetto che raggiunge 42 anni e 10 mesi il 20 febbraio 2019 percepirà la pensione dal 1° giugno 2019.

Per la pensione di vecchiaia non sono state apportate modifiche, pertanto dal 01/01/2019 sia gli uomini sia le donne accederanno con:

  • 67 anni di età anagrafica e 20 anni di contribuzione versata.

PENSIONE OPZIONE DONNA

Le lavoratrici agricole autonome che, entro il 31/12/2018, hanno maturato 35 anni di contributi e un’età minima di 59 anni, possono accedere alla pensione anticipata con 2 caratteristiche:

  1. L’importo della pensione verrà calcolato interamente col metodo contributivo, quindi meno vantaggioso.
  2. 18 mesi di finestra per la pensione.

 

 

Es: Una coltivatrice diretta che compie 59 anni e 35 anni di contributi il 30 aprile 2018 consegue il diritto alla pensione dal 1° novembre 2019.

Gli uffici Epaca Coldiretti sono a disposizione per consulenza e ulteriori chiarimenti.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi