SCAPPATICCI VINCE L’OSCAR GREEN
1 ottobre 2012

SCAPPATICCI VINCE L’OSCAR GREEN

CRISTINA SCAPPATICCI, CORAGGIOSA E GENIALE IMPRENDITRICE DI ARPINO SI AGGIUDICA L’OSCAR GREEN 2012 PER LA SEZIONE “CAMPAGNA AMICA”
Il sapiente connubio tra i prodotti di una terra aspra e la speculazione delle meraviglie del cielo che ha saputo rappresentare nella “Valle Reale”, la sua azienda agricola sulla strada di montagna che porta dalla città di Cicerone al piccolo Comune di Santopadre , nel cuore della Ciociaria, le è valsa la prestigiosa nomination.
Le premiazioni delle  aziende agricole condotte da giovani che hanno partecipato alla VI edizione dell’Oscar Green si è svolta sabato 29 settembre, nell’ambito di “CIBI D’ITALIA “, la kermesse dei prodotti tipici provenienti da tutte le Regioni  al Circo Massimo di Roma.
Tre finaliste per ciascuna sezione con al centro la voglia di fare impresa in agricoltura guardando allo stile e alla cultura, al territorio, alla multifunzionalità, alla filiera ed al rapporto con il cittadino consumatore. Proprio su quest’ultimo aspetto la “Valle Reale”, a giudizio sia di una giuria tecnica che di quella popolare, è risultata l’azienda al top delle aspettative di chi vuole costruire un rapporto sano tra territorio, qualità dei prodotti agricoli, ambiente e cultura.
L’azienda è all’avanguardia nei percorsi didattici offerti ai bambini delle scuole in funzione di conoscenza della filiera corta, in quanto a parte la presenza di tutti gli animali da cortile, compresa una simpatica asinella, Valle Reale e’ dotata di un piccolo caseificio per la trasformazione del latte delle numerose pecore, nonché di locali idonei alla trasformazione delle ottime carni di maiale.
E’ un eccellente agriturismo che offre i piatti tipici del luogo con prodotti rigorosamente aziendali, oltre ad uno scenario incantevole delle montagne del parco nazionale d’Abruzzo che guardano a sud. Già tutto ciò sarebbe bastato a fare di Cristina una testimonial “della voglia di fare impresa” incondizionata , ma la sua dinamicità e la  curiosità per il cielo, così vicino alle sue montagne, l’ha portata ad instaurare un esclusivo rapporto con l’Osservatorio astronomico di Campo Catino, così che nelle notti d’estate i commensali possono assistere alla visione della volta celeste attraverso  le sofisticate attrezzature messe a disposizione dall’Osservatorio con relativa lezione di astronomia del prof. Mario Di Sora direttore dell’Osservatorio stesso.
“L’affermazione di Cristina Scappaticci è motivo di orgoglio per la Coldiretti del Lazio” ha sostenuto il direttore Aldo Mattia presente alla manifestazione “anche perché rappresenta il riconoscimento all’imprenditorialità agricola giovane ed al femminile in assoluta controtendenza con la fase di stagnazione economica che il nostro Paese sta vivendo in questo periodo”.
L’ambìto premio è stato consegnato a Cristina dal Presidente Marini, presente il Delegato nazionale di Coldiretti Giovani Impresa Vittorio Sangiorgio; gli altri premiati per le rispettive categorie Esportare il Territorio, Stile e cultura d’Impresa, Ideando, In-Filiera e Non solo Agricoltura sono stati Marta Lugano con “lo Spumante d’Autore”, Luigi Adinolfi con “le Ricette della nonna”, Andrea De Magistris con “le Coltivazioni di bambu’”, Teresa Palimieri con la filiera del “Latte di bufala”, Giulia Lovato con la “Fattoria dei miracoli”, mentre la menzione speciale  per Paese Amico è andata al Comune di Bardolino.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi