“Villaggio del Gusto”
1 luglio 2015

“Villaggio del Gusto”

 

“Quindici anni fa ci davano per spacciati. Ci dicevano che eravamo finiti, morti e che da noi, in Italia, non c’era più posto, né spazio per gli agricoltori. Oggi, quindici anni dopo, grazie alla nostra tenacia, grazie agli investimenti sull’innovazione dei sistemi produttivi e sulla qualità delle produzioni, siamo qui per celebrare il trionfo della nuova, moderna agricoltura italiana”. È raggiante Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti, mentre saluta il debutto del Villaggio del Gusto inaugurato sulla banchina del porto di Civitavecchia, proprio a due passi dal Terminal che, ospitato negli antichi mercati di Traiano, aprirà i battenti in autunno. L’intera operazione, nata in casa Coldiretti / Campagna Amica, porta la firma di Aldo Mattia. Il direttore della Coldiretti del Lazio alle nove di ieri mattina, in netto anticipo sull’orario della cerimonia inaugurale, era già sul posto per accogliere gli ospiti. “Il Villaggio del Gusto, come anche il Terminal una volta pronto, è la testimonianza più autentica, diretta e immediata della rinascita del settore agricolo laziale. Oggi, mentre ancora edilizia, trasporti e grande industria soffrono i colpi della crisi, l’agricoltura decolla, facendo segnare indici positivi tanto nella produzione, quanto nell’occupazione. Qui i turisti che arrivano da tutto il mondo – ha detto Mattia nel suo saluto – avranno la possibilità di conoscere, degustare e comprare, anche con ordinazioni via internet, le eccellenze che ogni giorno vengono prodotte dai nostri agricoltori di Frosinone e di Latina. Qui al Villaggio il mondo incontra le nostre tradizioni, la nostra storia. Qui il mondo incontra i vini, gli olii, le mozzarelle, i formaggi, le verdure, gli ortaggi, le carni e gli insaccati della Ciociaria e del Pontino. E dietro questa nuova opportunità di reddito si apre una prospettiva di nuova economia e di nuovo lavoro. Coldiretti ha generato qui a Civitavecchia 50 nuovi posti di lavoro, che raddoppieranno quando in autunno apriremo anche il Terminal del Gusto. Giovani preparati, competenti, che sanno parlare almeno tre lingue, che sanno relazionarsi e che da oggi hanno una certezza in più per progettare in serenità il loro futuro. Il modello Civitavecchia – ha aggiunto Mattia – è replicabile. Ci hanno chiamato dalla Sardegna, dalla Liguria, dalla Toscana perché interessati a promuovere analoghi progetti anche lì. I nostri porti e aeroporti saranno i capisaldi della nuova rete che Coldiretti metterà al servizio degli agricoltori per esaltare e commercializzare i prodotti agroalimentari di qualità”. Tante le presenze illustri, ieri mattina, sulla banchina vestita a festa e vivacizzata dal giallo delle bandiere Coldiretti. C’erano il presidente e il segretario generale della Coldiretti, Roberto Moncalvo e Enzo Gesmundo. C’erano Andrea Baldanza, capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio, il presidente dell’Autorità Portuale di Civitavecchia Pasqualino Monti, il consigliere regionale Mauro Buschini, il direttore delle federazioni Coldiretti di Frosinone e Latina Giuseppe Campione, i presidenti provinciali Vinicio Savone e Carlo Crocetti. C’erano anche Marco Marzano, direttore generale della Organizzazione Mondiale degli Agricoltori, David Granieri, presidente della Coldiretti del Lazio, Carlo Giorgi e Luca Bacchi, presidente e direttore del Condifesa Lazio. La sorpresa più gradita è stato l’arrivo di una delegazione cinese che ha omaggiato Mattia, come messaggio di buon auspicio, di un prezioso ventaglio. “L’agricoltura era la cenerentola del Lazio. Oggi, grazie anche al sapiente e tenace lavoro di Coldiretti, primeggia. Il Villaggio del Gusto – ha detto l’assessore regionale Sonia Ricci – è la naturale e intelligente prosecuzione delle attività di Campagna Amica. Anche la Regione scommette sull’aggregazione che non a caso sarà uno dei capitoli più significativi del nuovo Piano di Sviluppo Rurale”. Il Villaggio e, da ottobre, anche il Terminal del Gusto sono chiamati già nell’immediato a sfide complesse e impegnative sul fronte dell’accoglienza turistica e della promozione dei prodotti tipici di Frosinone e Latina. A Milano è ancora in corso l’Expo, che resterà aperto fino a ottobre, mentre a dicembre inizia il Giubileo proclamato da Papa Francesco, che terminerà nel novembre del 2016.  Uno studio elaborato Coldiretti prevede l’arrivo di 25 milioni di pellegrini che spenderanno per gli acquisti alimentari 5 miliardi di euro, il 35% della spesa complessiva che faranno durante la loro permanenza nel nostro paese. A fornire i dettagli è il direttore del Terminal, Stefano Augugliaro. “Il Villaggio del Gusto si compone di 10 box espositivi, 5 dei quali adibiti a servizi, assistenza e consulenza ai turisti, gli altri 5 adibiti alla vendita. Nel Terminal che verrà inaugurato a ottobre – spiega Augugliaro – troveranno posto 61 aziende agricole/agroalimentari. Quelle ciociare e pontine sono il 20% del totale. Tutte, comunque, specializzate in produzioni di altissima qualità e dunque in linea con la filosofia che ha ispirato il nostro progetto. Vogliamo promuovere il vero patrimonio agroalimentare italiano, rigorosamente stagionale, a chilometro zero e prodotto secondo gli standard della più elevata sostenibilità. Mostreremo e venderemo anche on-line ai 2,5 milioni di turisti che ogni anno transitano nel porto di Civitavecchia il patrimonio che il mondo intero ci invidia”.

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi